Casentino 2040

Casentino 2040

IL PROCESSO PARTECIPATIVO PER IL PIANO STRUTTURALE INTERCOMUNALE DEL CASENTINO

Quali luoghi e risorse rappresentano l’identità del territorio del Casentino? Quali interventi, infrastrutture e servizi sono necessari per garantire la qualità della vita degli abitanti, tutelare il territorio e permetterne lo sviluppo sostenibile oggi e nei prossimi vent’anni? Il percorso di partecipazione al piano strutturale intercomunale apre ad attori economici e cittadini la riflessione e il confronto sugli scenari futuri per lo sviluppo urbanistico, economico, sociale e ambientale del Casentino.

L’Unione dei comuni montani e  i comuni del Casentino stanno lavorando al Piano strutturale intercomunale, il documento strategico che si pone queste domande e disegna il futuro del territorio e le azioni strategiche per indirizzare lo sviluppo urbanistico, economico, sociale e ambientale. 

Il piano strutturale intercomunale ha un orizzonte temporale di 15-20 anni e coinvolge i Comuni di Bibbiena, Castel Focognano, Castel San Niccolò, Chitignano, Chiusi della Verna, Montemignaio, Ortignano Raggiolo, Poppi, Pratovecchio Stia, Talla e l'Unione dei Comuni Montani del Casentino in un percorso di riflessione e pianificazione  che a partire dal presente porterà a definire una visione strategica articolata e al tempo stesso unitaria di quello che questo territorio ricco e complesso è e di quello che potrebbe diventare.  

Il percorso partecipativo accompagna il processo di redazione del piano e ha l’obiettivo di coinvolgere non solo le Amministrazioni, ma anche i diversi portatori di interesse locali e la cittadinanza per arricchire il piano con diversi punti di vista, valutazioni, proposte e raccomandazioni.

L’Ecomuseo del Casentino accompagna l’Unione dei Comuni e il Garante dell’informazione e della partecipazione nella realizzazione di attività di ascolto, ispirazione e coinvolgimento in coerenza con quanto previsto dalla Legge Regionale 65/2014 “Norme per il Governo del Territorio” e in conformità con le Linee guida sui livelli partecipativi ai sensi dell’articolo 36 comma 5 della suddetta Legge e dell’articolo 27 del regolamento 4/R/2017. 

Con il supporto di Sociolab, una cooperativa specializzata nella facilitazione di percorsi partecipativi per i piani strutturali, L’Ecomuseo faciliterà nei prossimi mesi una serie di attività di partecipazione online e in presenza per:

  • accompagnare la riflessione sull’identità del territorio, delle sue trasformazioni e delle sue prospettive;
  • facilitare il confronto tra attori sociali ed economici del territorio attorno ad una visione intercomunale strategica;
  • stimolare il coinvolgimento delle comunità locali nel condividere informazioni, punti di vista e raccogliere raccomandazioni per il futuro.

Il percorso è cominciato nel mese di novembre 2020 con due laboratori di riflessione e confronto con il Comitato consultivo dell’Ecomuseo e l’Ufficio di Piano attorno a scenari futuri su alcuni temi centrali per il presente ed il futuro del territorio: luoghi e strumenti dell’identità territoriale, dei Cammini e percorsi, della Mobilità e dei flussi, di paesaggio e agricoltura, del parco, delle foreste e delle risorse idriche, della manifattura e degli insediamenti industriali, del Parco e foreste, dei servizi socio-sanitari e della qualità di vita degli abitanti. 

Quali sono i luoghi e i percorsi dell’identità territoriale del Casentino? Quali interventi e strategie per valorizzarli nella connessione con i flussi nazionali ed Europei? Quali  infrastrutture e servizi per favorire connessioni, mobilità sostenibile e sviluppo? Come sostenere l’agricoltura di qualità, l’acqua, il parco e il bosco come risorse? Quali servizi sono centrali per garantire socialità, salute e qualità di vita degli abitanti?

A breve un calendario di iniziative e strumenti di partecipazione online e in presenza per aprire il confronto attorno queste ed altre domande centrali per il territorio. Restate sintonizzati per partecipare. 

Si riporta in allegato il primo report realizzato in seguito ai primi due laboratori sulla costruzione di scenari CASENTINO 2040

Cartina